Nasce l’Unione Calcio Sette Comuni.

Tutti insieme, finalmente! Se ne parla da tanto tempo; un sistema di collaborazione è in atto da qualche anno, ma l’atto ufficiale di unione effettiva è notizia di pochi giorni fa. Arrivare ad un’unica grande società calcistica dell’Altopiano rimane l’obiettivo primario, ma intanto si comincia con i settori giovanili che da oggi confluiscono nella neonata Unione Calcio Sette Comuni. Asiago, Canove, Gallio e Stoccareddo hanno deciso di mettere insieme le forze dando il tanto atteso là a quella che può essere considerata una svolta epocale per il calcio altopianese.

Il consiglio è composto da tre componenti per ogni società.

Il presidente della nuova società unica sarà Lorenzo Xausa, da 25 anni attivo nel mondo del calcio, dapprima come presidente del Lusiana e poi del Gallio. Vicepresidenti saranno Fabio Frigo e Eddy Baù, più nove consiglieri. C’è stata un certa emozione nel dare l’annuncio da parte di chi crede profondamente in questo progetto: in prima linea, sempre spinti da una grande passione per il calcio e contenti di essere giunti a questo risultato, abbiamo Federico Longhini, presidente dell’Asiago Calcio, Fabio Rebeschini, responsabile del settore giovanile del Canove, Roberto Baù presidente dello Stoccareddo Calcio e Gianpietro Lunardi del Calcio Gallio, oltre ovviamente a Lorenzo Xausa. Poi c’è la squadra, fondamentale, dei tecnici, guidata da Tiziano Panozzo al quale certo non mancano esperienza e preparazione. L’obiettivo della società è di formare un forte settore giovanile dell’Altopiano, con squadre competitive, ma soprattutto dare sempre maggiori possibilità ai nostri ragazzi facendoli crescere sotto il profilo tecnico, fisico, motorio, coordinativo e curando fortemente l’aspetto educativo. I ragazzi coinvolti, dai primi calci agli allievi, sono circa 200. Con questa unione si andranno a costituire squadre più competitive, seguite da allenatori di esperienza con una adeguata preparazione.

Si potranno formare una squadra di allievi, una di giovanissimi, tre di esordienti e quattro di pulcini, più i primi calci. Responsabile dei pulcini sarà Gianpietro Lunardi coadiuvato da Fabio Rebeschini, Roberto Baù sarà responsabile per esordienti, giovanissimi e allievi. A Tiziano Panozzo è affidato il settore primi calci, nonché tutto il coordinamento tecnico. Il progetto è senz’altro ambizioso e non mancheranno le difficoltà, specialmente all’inizio, ma sembra che il piglio e il passo siano proprio quelli giusti. A tutti, specialmente alle famiglie, viene chiesta grande collaborazione, contrattempi e disguidi saranno, in questo primo anno, inevitabili: mettere in moto una macchina organizzativa così complessa non è facile, ma c’è tutta la volontà di riuscirci perché si è capito che solo insieme si cresce e si può fare un grande salto di qualità. Che dire? Era ora!

Stefania Longhini